Chi può fare la dieta del sondino - N.E.C., nutrizione enterale chetogena

Per prenotazioni:+39 331 15 46 444

Le domande più frequenti

1. E' doloroso mettere il sondino?
Il sondino ha un diametro ridottissimo (2 millimetri) e può provocare solo un leggero fastidio nella fase di introduzione. Con l'umidità delle mucose ed il calore interno, diventa così morbido da risultare impercettibile già dopo un'ora dal posizionamento. A livello dello stomaco, la presenza del sondino non si percepisce, neanche quando viene introdotta la miscela nutrizionale che, peraltro, arriva in sede a gocce, nella quantità equivalente a mezzo bicchiere di acqua in un'ora.

2. Si può fumare con il sondino?
Con il sondino si può fumare ma molti pazienti ci hanno riferito che, spesso, durante il percorso si avverte meno il desiderio della sigaretta. E' possibile che si tratti di un meccanismo parallelo conseguente all'interruzione della compulsione nei confronti del cibo.

3. Come si fà a resistere alla fame?
Dopo 12/24 ore si instaura la chetosi, per catabolismo dei grassi di deposito, e la sensazione della fame sparisce.

4. La dieta può farla anche da chi ha pochi chili da perdere?
Il programma dà risultati eccellenti anche nelle persone con pochi chili di sovrappeso, perchè in 7/10 giorni si ottiene una perdita di peso che richiederebbe 1/2 mesi.

5. Appena si toglie il sondino si ha molta fame?
Quando si toglie il sondino, ci sono ancora in circolo i corpi chetonici che annullano la percezione della fame. E' cura della dietista, in questa fase, guidare alla rialimentazione con una dieta prevalentemente proteica e con verdure a basso indice glicemico. Questo tipo di alimentazione permette un efficace controllo della fame.

6. Quando si conclude il trattamento c'è il rischio di riprendere subito i chili persi?
Le diete fortemente ipocaloriche producono due effetti negativi: perdita di massa magra ed abbassamento del metabolismo basale. Quest'ultimo è dovuto alla risposta dell'organismo ad un periodo più o meno lungo in cui gli è fornita energia insufficiente alle sue richeste. A questa situzione, infatti, l'organismo reagisce "adattandosi" ad un tenore inferiore di energia. Così, quando si riprende una alimentazione con una quantità di calorie superiore, queste risultano in eccesso rispetto a quante fino ad ora fornite e vengono immagazzinate come grassi di deposito. Così, con la dieta, si perde una percentuale di massa magra e, riprendendo a mangiare, si aumenta una percentuale di massa grassa. Con il programma del CENTRO NEC si perde SOLO massa grassa, per effetto della chetosi; si preserva e si tonifica la massa magra con l'apporto di proteine e non si verifica un abbassamento del metabolismo basale.

7. Si possono mangiare caramelle e gomme senza zucchero, durante il trattamento?
Durante il trattamento non si può mangiare niente, perchè anche i dolcificanti impediscono il processo della chetosi, che è il meccanismo su cui si basa il sistema. Anche tracce di zuccheri (compresi i dolcificanti) possono annullare la formazione dei corpi chetonici.

8. Come è possibile lavarsi e farsi la doccia con il sondino addosso?
Il sondino può essere staccato dalla sacca e dalla pompa di infusione per 15 minuti alla volta, ed un massimo di 4/5 volte nelle 24 ore fino ad un massimo di 1 ora circa in tutta la giornata, dunque avrà tranquillamente il tempo di fare la doccia.

9. Sono in sovrappeso ma non obesa. Posso comunque fare il programma del CENTRO NEC?
Certo! Il trattamento può essere utilizzato da pazienti in sovrappeso di pochi chili e da pazienti obesi. E’ particolarmente indicato anche per perdere cellulite. La durata del trattamento verrà "personalizzata" dai nostri medici.

10. Sono intollerante alla carne... posso avere problemi dal momento che è una dieta proteica?
Le proteine utilizzate dal programma del CENTRO NEC sono proteine del siero del latte purificate e filtrate, dunque non ci sono problemi di intolleranza alle proteine della carne.

Condividi su:

Iscrizione Newsletter